AGRONOMICA

Il fuori suolo è una tecnica di coltivazione che avviene in assenza del terreno. L’apporto idrico e minerale avviene generalmente attraverso la somministrazione di una soluzione nutritivacompleta di macro e micro-nutrienti. Le colture fuori suolo si possono suddividere in base al tipo di supporto della pianta in colture su substrato, in cui l’apparato radicale si sviluppa in un mezzo solido, e colture senza substrato, dove la radice della pianta è più o meno immersa in una soluzione nutritiva.

Con queste tecniche, che possono o meno prevedere l’utilizzazione di un substrato (tra i più comuni: perlite, lana di roccia, pomice, torba, fibra di cocco, da soli o in miscuglio), i nutrienti necessari alla crescita dei vegetali vengono veicolati con l’acqua (soluzione nutritiva). Consentono produzioni più alte, sia a livello qualitativo che quantitativo rispetto a quelle che si ottengono su terreno, utilizzano con maggiore efficienza acqua, elementi nutritivi e spazio, e presentano una maggior costanza nelle rese e, opportunamente gestite, possono presentare un impatto ambientale molto più basso.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi